Hall of Mirrors’ “When Only Shades Remain” review on Blow Up

A new review – in Italian only – of “When Only Shades Remain” written by Gino Dal Soler was published on the July/August issue of Blow Up magazine:

A distanza di sei anni dall’ultimo ‘Altered Nights’ tornano Andrea Marutti, che molti conoscono anche sotto gli alias Amon e Never Known, e Giusepppe Verticchio, conosciuto per i suoi progetti a nome Nimh e, in ambito piu acustico e folk, Twist of Fate con la moglie Daniela Gherardi. Come Hall of Mirrors sondano gli spazi siderali di una ambient che definire soltanto dark o noisy sarebbe un pelo riduttivo. La spazialità dei due pezzi monstre del CD, ‘Flustered Among the Approaching Menaces’ e soprattutto ‘Where The Soil Gathers Disquiet Souls’, che insieme si portano via quaranta minuti, contiene piu dettagli e sottigliezze in forma di atmosfere eteree e sospese, dove come nel Lustmord di ‘The Place Where the Black Stars Hang’ l’oscurita è sempre presente ma punteggiata da improvvise scie luminose. Marutti e Verticchio, che questa volta hanno fatto tutto a distanza perdendo forse qualcosa dell’immediatezza dell’incontro live, da navigati musicisti interstellari sanno dividersi bene i compiti con i synth, field recordings e trattamenti del primo e le vertiginose chitarre del secondo, con o senza ebow, oltre al suo thai gong, altri field recordings ed effetti a saturare l’ambiente di un suono sempre avvolgente e superbamente prodotto. Le ombre che infine rimangono dal loro pervadente wall of sound, sono come pareti di suono chiaroscurale, una dolente musica cosmica come nello Schulze piu meditativo, come la strana quiete che resta dopo un movimento tellurico, o come porgere l’orecchio a terra per udire suoni dal profondo. (7/8)

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.